Boom delle auto elettriche

4 Maggio 2021
Boom delle auto elettriche

Utilizzato, in soli tre mesi, il 37% degli incentivi totali per l'acquisto di auto elettriche, previsti per l'intero 2021 in Italia. Superate, quindi, in un lasso di tempo brevissimo, le previsioni del Governo, al punto che i fondi disponibili potrebbero essere completamente esauriti già ad agosto. A metterlo in evidenza Motus-e, l’associazione che riunisce i protagonisti della filiera della mobilità elettrica in Italia.
Cresce ancora il mercato dei veicoli elettrici in Italia e, contemporaneamente, aumenta l’esigenza di trovare soluzioni efficienti di stoccaggio, smaltimento e, soprattutto, recupero delle batterie al litio per auto, obiettivo questo su cui stanno già puntando le case automobilistiche.
Se da un lato la gestione di questa tipologia di rifiuti non è semplice perché la natura stessa delle batterie, la loro gestione e conservazione comportano un elevato rischio per la sicurezza degli operatori e degli ambienti aziendali, dall’altro vi sono una serie di vantaggi.

In primis le efficienti prestazioni degli accumulatori al litio e la loro “second life”, ossia la possibilità di reimpiegarle in un altro utilizzo. 
Un esempio? Con una capacità residua tra il 70% e l’80%, le batterie non più utilizzate per le auto possono essere ancora impiegate per lo storage in applicazioni diverse, che siano altri tipi di veicoli, oppure batterie domestiche, accumuli per le reti elettriche o per le torri di trasmissione delle telecomunicazioni. Dalle batterie esauste è, inoltre, possibile recuperare materie prime come cobalto, litio, alluminio e rame.

Nicola Veronico Srl, da sempre attenta al rispetto e alla tutela dell’ambiente, fa parte del consorzio Cobat che si occupa del recupero di accumulatori al piombo e delle pile e si sta specializzando sempre più in questo percorso virtuoso di economica circolare. 

 

Torna indietro
  • Carrello Carrello
    0,00 €
    IVA esclusa
    0 servizi